Planetaria con motore a presa diretta o a trasmissione?

Planetaria con motore a presa diretta o a trasmissioneDubbio quasi amletico, cruccio dei “food addict” alla disperata ricerca della planetaria perfetta, elemento di poca importanza per i modaioli: sto parlando del motore della planetaria. I due colossi, leader indiscussi nella vendita di planetarie, hanno fatto di questo elemento motivo di scontro e confronto (anche se la Kenwood a posto rimedio ideando una planetaria simile alla Kitchenaid).Sto parlando del motore della planetaria!
Per chi non lo sapesse il motore di una planetaria può essere di due tipi: a presa diretta e a trasmissione a cinghie. Tranquillo, non sono necessarie conoscenze tecniche. Cerco di spiegarti brevemente in cosa consiste la differenza, senza troppi tecnicismi.
Il motore a presa diretta, come lascia intendere il nome, ha un aggancio a cui vanno collegati direttamente i diversi accessori (fruste o accessori vari). Il motore a trasmissione a cinghie si avvale, appunto, di cinghie che muovendo gli ingranaggi, permettono a loro volta il movimento degli accessori.
Il primo è un motore “rustico” fatto di forza bruta e potenza; il secondo è più delicato e sofisticato.
Quello che ci si chiede è quali di questi due motori sia il più prestante…il problema è che non è facile rispondere.

 

Il fascino del “motore classico”

Non prendiamoci in giro…chi non è stato tentato dal fascino vintage della Kitchenaid? Fino a poco tempo fa era l’unica planetaria per uso domestico a montare un motore a presa diretta. Sull’altro fronte c’erano ( e ci sono) le super tecnologiche Kenwood. La Kenwood però vuole accaparrarsi (e come dargli torto) sempre un numero maggiore di clienti e, quindi, ecco il suo coniglio nel cilindro, la KMix.
Queste due planetarie attraggono innanzitutto per il loro design un po’ retrò e per le loro diverse colorazioni.
Il secondo elemento che le caratterizza è, appunto il motore. La cosa che può sembrare strana è che i motori a presa diretta a parità di potenza hanno una forza maggiore: ecco spiegato perché nonostante una Kitchenaid Artisan abbia un motore da 300 watt riesca ad impastare lo stesso quantitativo di una planetaria con motore a trasmissione a cinghie da 1000 watt.
In realtà la spiegazione è semplice: a differenza del motore a trasmissione, il motore a presa diretta convoglia quasi tutta l’energia agli attacchi motore. In poche parole, la dispersione di energia è praticamente nulla.
Proprio sotto questo aspetto possiamo, quindi, dire che il motore a presa diretta è più performante.
Queste planetarie sono “i trattori” della cucina. Forza bruta senza troppi fronzoli. Pochi elementi presenti per farla funzionare: una levetta per sbloccare lo snodo che collega la parte superiore a quella inferiore e una levetta per la regolazione della velocità.

 

La tecnologia dei motori a trasmissione a cinghia

motore a cinghieI motori a trasmissione a cinghia sono invece fatti per gli amanti della tecnologia.
Sono planetarie dall’aspetto più massiccio. Il motore è alloggiato nella parte inferiore della planetaria che, quindi, risulta più “tozza”.
Il design è meno accattivante: le forme sono molto moderne e squadrate. Hanno bisogno di maggior potenza perché a causa delle cinghie disperdono energia, ma hanno dalla loro la possibilità di avere diversi attacchi motori. Basta prendere ad esempio una Kenwood Prospero (una planetaria dalle caratteristiche basilari) che ha ben 3 agganci motore che danno la possibilità di collegare una moltitudine di accessori.
Tra queste planetarie troviamo poi quelle digitali, integrate da un display, con la possibilità di decidere tra diversi programmi preimpostati o memorizzarne uno “creato” da te.
E quindi? Se è vero che per quanto riguarda la potenza i motori a presa diretta sono migliori, i motori a trasmissione sono senza dubbio più versatili.
In realtà, all’atto pratico, non esiste una planetaria migliore dell’altra. A decretare il successo di un modello piuttosto che un’altro saranno le tue esigenze.