Menù di Natale? La planetaria ti aiuta a preparare il banchetto!

menù di natale

Natale, che periodo magico! Durante questa festa si respira un altra aria, ricca di gioia e calore. Senza che ce ne rendiamo conto è un attimo tornare bambini: le luci, i regali, la calda atmosfera, i giochi ci riportano inevitabilmente a questo periodo spensierato della nostra vita. I problemi arrivano dopo le feste, quando saliamo sulla bilancia. Eh sì, il Natale porta come regali anche alcuni chiletti in più. E la cosa è inevitabile perché a natale abbuffarsi è legge 😀 ! Ma non dobbiamo dispiacerci poi tanto per questo! Noi dell’emisfero boreale siamo fortunati in quanto il Natale cade all’inizio dell’inverno e quindi abbiamo diversi mesi a disposizione per dedicarci allo prova costume. E quindi via a banchetti pantagruelici!

Sei lo Chef? Ti serve una planetaria!

Ma chi prepara questi banchetti?
Siccome due più due fa quattro, se ti trovi su questa pagina, sei tu lo chef della situazione. Bene, dato che ho sicuramente indovinato, voglio darti un consiglio: compra una planetaria, ora, subito. Lo dico per te, perché se è vero che preparare tutto con le proprie mani è una cosa meravigliosa che da molta soddisfazione, è anche vero che durante queste occasioni, preparare tante cose per tante persone può diventare una cosa pesante e stressante. Magari stai pensando che puoi farti aiutare tranquillamente, come ogni anno, dalla mamma o da qualche zia, ma fidati che la planetaria è la vera soluzione. Perché? Ma perché lei non giudica e non ti dice come devi fare le cose! Lei è sempre lì e ti aiuta facendo esattamente quello che le dici di fare, senza fare domande o dare consigli non chiesti.
Scherzi a parte la planetaria è un elettrodomestico meraviglioso che, qualunque cosa tu stia preparando, ti offre sempre una mano d’aiuto, a maggior ragione in occasioni come il Natale, quando ci sono tante cose da preparare e in gran quantità.

Il mio menù di Natale

Per dimostrarti quanto utile possa essere un impastatrice planetaria ti mostro tutto ciò che ho preparato questo Natale con il solo aiuto della mia planetaria:

  • Tramezzini con maionese e salmone
  • Tagliatelle alle carote e tritato
  • Salsiccia con mele e cipolle
  • Panettone

Con l’aiuto di una planetaria è possibile realizzare tutte queste pietanze partendo semplicemente dagli ingredienti base.

Antipasto

Vediamo passo passo come preparare uno sfizioso antipasto 😉 .

Maionese

Partiamo dalla maionese, il terrore di molti perché, si sa, la maionese tende ad impazzire. Il segreto per non farla andare in manicomio? Usare gli ingredienti a temperatura ambiente.
Ingredienti per 300 g di maionese:

  • 2 tuorli freschi
  • 1 limone
  • 250 g di olio di semi
  • 1 cucchiaino e 1/2 di aceto di vino bianco
  • pepe q.b.
  • un pizzico di sale

Dopo aver montato la frusta a filo nella planetaria, metti i tuorli e un po’ di succo di limone dentro la ciotola e inizia a montare a media velocità. Ora arriva la fase più delicata, l’aggiunta dell’olio. In questa fase bisogna avere pazienza perché se si aggiungesse l’olio velocemente c’è un’alta probabilità che la maionese impazzisca. Siccome vogliamo evitare questo, è importante che l’olio venga aggiunto a filo in maniera intermittente. Cosa significa? Inizia versando un filo d’olio e aspetta che questo venga assorbito dal composto e procedi aggiungendone un altro po’. Procedi così, appunto ad intermittenza, fino a che non avrai messo la metà dell’olio. La maionese a questo punto avrà già una consistenza densa. Adesso aggiungi il succo di limone, procedendo esattamente come hai fatto per l’olio. Finito il succo di limone finisci di aggiungere la metà di olio che era rimasto (devo dirti nuovamente come lo devi aggiungere?). La maionese avrà adesso la sua classica consistenza e questo vuol dire che è pronta. Spegni quindi la planetaria e aggiungi il resto degli ingredienti, ovvero il sale, il pepe e l’aceto. Accendi nuovamente la planetaria (sempre a velocità media) per alcuni secondi, giusto il tempo che il tutto si amalgami per bene. La maionese è pronta!
Per quanto riguarda i tempi, la maionese è davvero veloce da preparare, bastano una decina di minuti. Quindi puoi prepararla il giorno stesso che devi usarla. Se i tempi a tua disposizione sono veramente ristretti puoi prepararla al massimo il giorno prima, poiché non può essere conservata più a lungo di un giorno.

Tramezzini

Ora che la maionese è pronta non ci resta che preparare la base su cui spalmarla, ovvero i tramezzini! Vediamo come procedere.
Ingredienti:

  • 400 g farina
  • 200 g latte intero
  • 12 g lievito di birra
  • 40 g burro
  • 12 g zucchero
  • 8 g sale

Dopo aver montato il gancio, versa il latte e il lievito sbriciolato all’interno della ciotola. Accendi la planetaria a bassa velocità e versa la farina a pioggia. Una volta terminata la farina aggiungi zucchero e sale e fai lavorare a media velocità. In fine aggiungi il burro. Quando l’impasto diventa liscio e compatto significa che è pronto. Lascialo riposare per un quarto d’ora all’interno della ciotola ricoperta con della pellicola trasparente. Passato questo tempo metti l’impasto all’interno di uno stampo per pluncake (già imburrato precedentemente) e lascialo lievitare. Quando il volume è raddoppiato l’impasto è pronto per essere infornato: 200°C per un’oretta circa. Ah, dimenticavo! Prima di infornare spennella la superficie dell’impasto con un po’ di latte per ottenere una doratura perfetta.

Quando i tramezzini saranno pronti, potrai farcirli con la maionese fatta in casa e gli ingredienti che più ti piacciono: tonno, salmone o qualsiasi altra cosa ti passi per la testa.

Primo

Adesso che l’antipasto è pronto non ci resta che preparare il primo. Io ho scelto delle tagliatelle al ragù bianco, un piatto semplice ma molto gustoso.

Pasta fresca

Preparare la pasta fresca è facilissimo, soprattutto se si hanno a disposizione i giusti accessori!
Farina di semola di grano duro e acqua tiepida pari a metà del peso della farina sono gli unici ingredienti che ti servono. Versa questi due ingredienti all’interno della ciotola e accendi la planetaria e mescola con un cucchiaio. Non appena si ha una prima amalgamazione degli ingredienti monta il gancio per impasti duri e fai partire la planetaria a bassa velocità. Quando l’impasto risulta liscio e non colloso è pronto per riposare: mezzora avvolto nella pellicola. Passato questo tempo le cose sono due: o procedi a mano stendendo la pasta e tagliando ad occhio le tagliatelle, oppure attrezza la planetaria di sfogliatrice e tagliapasta. Inutile dire che nel secondo caso il risultato sarà degno di un pastificio professionale. Disponi le tagliatelle ben allargate su un vassoio infarinato.
Un piccolo appunto: l’impasto per la pasta fresco è piuttosto denso. Una planetaria poco potente, con un motore da 800/900 Watt potrebbe avere difficoltà ad impastarla. Se ti piacerebbe preparare spesso la pasta fatta in casa, ti consiglio una planetaria potente, ancora meglio se con motore a presa diretta. Un esempio? La Kitchenaid Artisan che con il suo motore a presa diretta da 300 Watt riesce ad impastare bene qualsiasi impasto. Inoltre, proprio la Kitchenaid produce per le sue planetaria lo stendi-pasta completamente realizzato in acciaio inox.
Anche la Kenwood dedica molta attenzione agli accessori per la pasta e, proprio per questo, ha progettato un torchio che ti permette di ottenere svariati formati, anche di pasta corta.

Condimento

Come ho detto la planetaria può diventare un vero e proprio tuttofare. Con l’accessorio per tritare, preparare il condimento per la pasta sarà veramente semplice e veloce poiché per tritare sia le cipolle che carote basterà un attimo. Ma non finisce qui: molti modelli possono essere accessoriati con il tritacarne e quindi potrai preparare a casa tua il tritato come più ti piace. Io ad esempio per il tritato uso un mix di carne di maiale e manzo in parti uguali. Montato il tritacarne con il trito fine alla mia planetaria, procedo mettendo all’interno del tritacarne la carne ancora cruda a tagliata a dadini e il gioco è fatto!
Ma andiamo alla preparazione del condimento vera e propria.
Preparati tutti gli ingredienti, in una padella soffriggi la cipolla, aggiungi il tritato, sale, pepe e continua a far soffriggere. Aggiungi le carote e sfuma il tutto con un po’ di vino rosso. Aggiusta di sale e pepe. Una volta che le carote sono ben cotte il condimento è pronto!

In acqua bollente e salata, aggiungi un filo di olio e immergi delicatamente le tagliatelle. La pasta fresca cuoce davvero in poco tempo. Senza scolarla e aiutandoti con una pinza trasferisci la pasta dalla pentola alla padella dove si trova il condimento. Aggiungi un bel po’ di grana padano e manteca il tutto. Una volta che il grana padano è sciolto la pasta è pronta per essere servita.

Il secondo

Sicuramente ti sembrerà strano l’accostamento salsiccia e mele, ma ti assicuro che con il minimo sforzo otterrai un secondo piatto davvero particolare.
Anche qui la planetaria non ci delude! come detto infatti molti modelli possono essere accessoriati con il tritacarne, che insieme all’apposito accessorio per insaccare ti permetterà di preparare un ottima salsiccia a casa tua condendola nel modo che più preferisci.
Ma vediamo come procedere.
Monta sulla planetaria il tritacarne con il trito grosso. Taglia a cubetti grossolani il taglio di maiale che hai scelto per fare la salsiccia (io ho usato la spalla e del lardo) e procedi a tritare. Condisci la carne così ottenuta con sale, pepe e le spezie che più preferisci e fai riposare in frigo per almeno 3 ore (una notte intera sarebbe perfetto) in modo che la carne si insaporisca perfettamente.
Passato questo tempo si è pronti per la fase di insaccamento. Metti il budello ammollo in acqua fredda per circa 30 minuti, dopo di ché sciacqualo molto accuratamente.
Monta sul tritacarne l’accessorio per insaccare della dimensione che più preferisci e inserisci il budello. Aziona la planetaria e fai passare la carne che avevi preparato nuovamente all’interno del tritacarne, quando sta per uscire dalla bocchetta stacca a planetaria e tira il budello annodandolo. Procedi fin quando hai ottenuto la lunghezza che preferisci.
Ora che la salsiccia è pronta è arrivato il momento di cuocerla! Disponi la salsiccia all’interno di una teglia e ricopri con la cipolla e le mele che sono state precedentemente affettate con il tritatutto della planetaria. Condisci con olio sale pepe e qualche foglia d’alloro e inforna a 200°C per 30-40 minuti circa. Mescola di tanto in tanto e quando la salsiccia risulta cotta è pronta per essere servita.

Il dolce

Come si dice, dulcis in fundo. Mi dispiace ma devo deluderti non ci sarà dolce in questa pagina! Infatti se il menù che ti ho proposto è semplice e veloce, per il panettone è necessaria molto più tempo e attenzione. Il procedimento è molto lungo e laborioso e ho preferito trattare l’argomento non in questa pagina per non dilungarmi ulteriormente, ma in questa link . Anche se molto complicata, la preparazione del panettone è molto divertente e il risultato ti darà una grande soddisfazione e un risultato niente male, per cui ti consiglio di cimentarti in questa piccola impresa.